LAVORARE CON I LIBRI

LAVORARE CON I LIBRI
a cura di Marco Cassini e Pietro Biancardi

QUANDO:
Sabato 11 e domenica 12 gennaio 2020
sabato h 10-13 / 14-17
domenica h 10-13 / 14-17

DOVE:
Libreria Open • Viale Monte Nero 6, Milano

QUANTO: 
il costo è di 250 euro.

LAVORARE CON I LIBRI
Workshop di editoria

a cura di Marco Cassini e Pietro Biancardi

 

Come e perché si sceglie un libro? Chi ne decide il titolo, la veste grafica, il prezzo?
È possibile battere la crisi con un progetto culturale? Come cambia la lettura in tempi di “rivoluzioni digitali”?

 

Come e perché si sceglie un libro? Chi ne decide il titolo, la veste grafica, il prezzo? Cos’è la linea editoriale? È possibile battere la crisi con un progetto culturale? Quali sono i mestieri dell’editoria, e come cambiano in relazione alla dimensione della casa editrice? Che impatto ha avuto finora e avrà in futuro la “rivoluzione digitale”? Come sono regolati i rapporti fra autore e editore, fra libreria e casa editrice, e in definitiva come si guadagna dai libri?
A queste e molte altre domande e curiosità rispondono Pietro Biancardi e Marco Cassini, dall’osservatorio privilegiato e insieme scomodo delle case editrici indipendenti (Iperborea, da una parte, e SUR dall’altra) che hanno diretto negli ultimi due decenni e che hanno contribuito a caratterizzare il panorama dell’editoria di progetto in Italia.
Il workshop propone un percorso didattico dedicato a chi vuole lavorare nell’editoria in proprio o presso una casa editrice, o anche a chi è “solo” curioso di avvicinarsi a un mondo, quello dei libri, che tutti conosciamo da lettori o da appassionati ma che può diventare un mestiere affascinante.

Il corso, dopo le varie edizioni di Venezia, Pavia, Firenze, Roma, Torino torna a Milano.

 

PRIMA PARTE (sabato)

• Chi è e cosa fa un editore
La linea editoriale: non esisto senza te. Editore generalista vs. editoria di progetto, mass market e micro-nicchie: tanti modi per sopravvivere o soccombere in un mondo ipercompetitivo.

• Il ruolo dell’editore al tempo del self-publishing
A cosa serve un editore? Da “produttore di libri” a “imprenditore culturale”.

• Un piccolo e un grande editore: le dimensioni contano
Il costo della qualità e la necessità di fare tutto a budget (quasi) zero

• Ruoli e mansioni in una casa editrice
Le novità tecnologiche stanno cambiando le professionalità richieste in casa editrice. Quali competenze mantenere all’interno e cosa esternalizzare? Modelli a confronto.

• Scrivere, leggere, editare, tradurre, pubblicare
La parte più bella del mestiere. Percorriamo insieme la strada tortuosa che porta un’idea sulla carta.

• Come farsi conoscere: ufficio stampa, marketing, social network
Perché proprio io? Vecchi e nuovi modi di mettere un libro in mano a un lettore.

 

SECONDA PARTE (domenica)

 

• Panorama del mercato: chi pubblica cosa, e quanto vende
I nuovi fenomeni: “megaseller”, libri low cost, ebook. La mutazione del mondo del libro: crollo (e rinascita?) delle librerie indipendenti, diffusione delle catene, librerie online e GDO. Come deve muoversi un editore indipendente?

• Come funziona la distribuzione e la promozione
All’editore arriva mediamente il 40% degli euro scuciti per un libro.Con questo deve pagare l’autore, lo stampatore, l’editor, il redattore, ecc. Dove diavolo finisce il resto e perché?

• Rapporto tra editore, libraio e lettore
Il rapporto a distanza tra editore e lettore. Il triangolo con il libraio. Come ottimizzare questa relazione e perché è importante accorciarla.

• L’ebook: il libro del futuro?
La rivoluzione annunciata più lenta della storia. Affinità e divergenze tra libro e ebook: il nuovo che avanza inesorabile contro il vecchio che vende cara la pelle.

• Il conto economico del libro: things fall apart
Il crollo delle prenotazioni, la tiratura minima, i costi di traduzione: quanto costa veramente produrre un libro? Che fare quando i conti non tornano?

 

DOCENTE DEL CORSO:

Per maggiori informazioni
scrivici a info@scuoladellibro.it
o chiama allo 06.8354.8987

 

 

Scrivere un racconto che piacerebbe al New Yorker
SCRIVERE UN RACCONTO CHE PIACEREBBE AL NEW YORKER