Intervista alla traduttrice Giulia Zavagna

Giulia Zavagna

La prima edizione di Alias, il nostro master in traduzione letteraria, è alle porte. 
Perché consiglieresti di frequentare questo corso, e a chi lo consiglieresti?

Consiglierei questo corso a chi sta iniziando a cimentarsi con la traduzione e vorrebbe trasformare curiosità e passione in lavoro. E senz’altro a chi, come me anni fa, arriva da una formazione universitaria più che altro teorica. Alias è l’opposto, fa della pratica e dell’esercizio vivo sul testo il suo cardine principale, e apre quindi a un confronto costante, importantissimo per il nostro mestiere. Oltre a questo, di fondamentale importanza mi sembra il contatto diretto con il mondo editoriale che il master offre, un aspetto che spesso si sottovaluta ma che fa davvero la differenza in termini di formazione.

Quando hai scelto di diventare un traduttore? Qual è stato il tuo percorso professionale?

L’interesse e la curiosità per le lingue straniere c’è da sempre, da prima di averne una consapevolezza chiara, che forse è arrivata al liceo, grazie agli amici e ai testi giusti. Dopo una laurea in Traduzione Letteraria sentivo però di avere ancora tutto da imparare, volevo mettere le mani in pasta, capire chi e cosa c’era davvero dietro i libri.
Con un corso di editoria ho scoperto un mondo e gioie e dolori del lavoro redazionale. Dopo il corso è venuto un tirocinio, e parallelamente le prime collaborazioni. Oggi mi occupo di libri a tempo pieno, e tra tutte le fasi di lavorazione, la traduzione è ancora quella che mi appassiona di più.

Qual è stato l’ultimo libro che hai tradotto? Come hai gestito i tempi, quali sono state le difficoltà?

Ho consegnato qualche mese fa una nuova traduzione di un classico messicano: Farabeuf o la cronaca di un istante, di Salvador Elizondo, ripubblicato da LiberAria.
Era la prima volta che mi cimentavo nella ritraduzione di un libro, con tutti gli accorgimenti e le paranoie che un’operazione del genere comporta. Il tempo è sempre tiranno, ma in questo caso la sfida è stata più che altro con il tempo interno del romanzo: il racconto ossessivo di pochi istanti, in un equilibrio perfetto tra movimento e ripetizione.

Condividi

Altri articoli

interviste

LE STRADE DELL’EDITORIA • 2

A cura di Carlotta Forni, Filippo Ghiglione e Alessandro Montagnese SECONDA PUNTATA | Capitoli 3 e 4 Il panorama editoriale italiano è un mondo articolato

Facebook

Scuola del libro

la Scuola del libro è un laboratorio permanente che propone un'offerta formativa intorno a tutti i mestieri del libro: traduzione, editing, grafica, redazione, impaginazione, ufficio stampa, comunicazione, marketing, ebook, social network, editoria digitale; e alla scrittura nelle sue varie forme: narrativa, non fiction, autobiografia, scrittura per ragazzi, giornalismo culturale.
Scuola del libro
Scuola del libro2 months ago
Eccoci a @piùlibripiuliberi con Giulia Caminito e Andrea Pomella !

#scriveretuttolanno
Scuola del libro
Scuola del libro2 months ago
Abbiamo organizzato tre incontri a @piulibri2022 e siete tutti invitati! 💥
Vi aspettiamo:

📍Il 7 dicembre alle ore 19 per farvi raccontare da alcune delle nostre ex allieve che succede dopo il master "Il lavoro editoriale" e quali sono gli sbocchi lavorativi.

📍L'8 alle ore 12 con Annalisa Camilli che vi parlerà di giornalismo e di come utilizzare gli strumenti e le tecniche per costruire un'inchiesta.

📍Sempre l'8 dicembre ma alle 19 in compagnia di Giulia Caminito (@caminits) e Andrea Pomella per scoprire come, quando e perché si diventa scrittori.

Siateci 😄

#reportagegiornalistico #giornalismo #corsodigiornalismo #corsoonline #reportagenarrativo #scuoladigiornalismo #giornalismoonline #parlaredilibri #corsidiscrittura #live #corsidigiornalismo #leggerechepassione #parlaredilibrisempre #leggerefabene #corsidieditoria #lavorareineditoria #corsidiscritturacreativa #scriveresempre #storiedaraccontare #scriverescriverescrivere #corsodiscrittura #scrivereunlibro #corsidiscritturaonline #scriverechepassione #corsodiscrittuaonline #masterineditoria #reportage #scrivereperprofessione #scritturacreativa #LavoroEditoriale
Scuola del libro
Scuola del libro2 months ago
Per ingranare con la marcia giusta, torna il «Corso base di scrittura letteraria» di Carola Susani.

Quattro incontri online, a febbraio.
✍️ Per saperne di più: info@scuoladellibro.it
Scuola del libro
Scuola del libro2 months ago
All'interno della Scuola del libro c'è un laboratorio sartoriale dove facciamo una formazione professionale e personalizzata per le case editrici:
📚 per quelle appena nate che vogliono crescere
📚 per quelle con anni di esperienza che vogliono offrire ai loro dipendenti corsi di aggiornamento.

Prendiamo le misure, insomma, per confezionare un corso che vi calzi a pennello. 🧑‍🎨

👉🏻 https://bit.ly/3VftYAr

Per scriverci: info@scuoladellibro.it
Scuola del libro
Scuola del libro2 months ago
Et voilà: torna il corso di traduzione letteraria dal francese.

👉 Per saperne di più: info@scuoladellibro.it
Scuola del libro
Scuola del libro2 months ago
«Case che proteggono, che rinchiudono, che nascondono, case che mentono, case che si spalancano, case che vengono abbandonate, case che crollano. Leggendo storie di case proveremo a capire meglio come funzionano stanze, muri, porte e finestre di una storia».

Una lezione di Paolo Cognetti.
Qui i dettagli: https://bit.ly/Cognetti_lezione

twitter

Evviva: domani si comincia con il corso base di scrittura letteraria di Carola Susani. Così ne hanno scritto alcune corsiste della passata edizione:

🧐 https://t.co/BJr4MR0x1L
📩 info @scuoladellibro.it https://t.co/nwbK5zXj6l
scuoladellibro photo

Il nostro instagram

5 months ago
5 months ago
5 months ago
5 months ago
6 months ago
6 months ago