5 consigli di lettura – di Giordano Meacci

Sotto il vulcano, di Malcolm Lowry (Feltrinelli)

**Se volete conoscere Geoffrey Firmin e la sua struggente disperazione all’ombra abissale del Popocatépetl. Se volete, da sùbito: già dalle prime due pagine, capire *più o meno* qual è il punto di vista di Dio quando ci guarda dall’alto alcolico della sua eterna *mancanza*. Se vi va di leggere dell’amore spezzato e irrimediabile tra il Console e Yvonne. Se, soprattutto, capite *nonostante me* che un lettore innamorato non può fare a meno di Malcolm Lowry.

Cent’anni di solitudine, di Gabriel García Márquez (Oscar Mondadori)

**Tutte le volte che il colonnello Aureliano Buendía si ricorda di quel pomeriggio remoto in cui suo padre lo porta a conoscere il ghiaccio, davanti al plotone d’esecuzione, l’intero pianeta si ferma per un istante; chi legge per la prima volta – chi rilegge per l’*ennesima* – riprende fiato, espira, la vecchia Terra ricomincia a muoversi: e perde nel ricordo quell’istante sospeso in cui la magia è cominciata, *tutte le volte*, fino alla prossima rilettura. Ed è solo l’inizio.

La caduta dei golden, di Salman Rushdie (Mondadori)

**Leggete tutto quello che Salman Rushdie ha scritto, se potete. Partite magari dall’ultimo romanzo. E poi andate a cercare *I figli della mezzanotte*, *L’ultimo sospiro del Moro, La Terra sotto i suoi piedi*, *La vergogna*, *Shalimar il clown*, *I versi satanici*. Tutto quello che ha scritto. Anche i romanzi e i saggi e i racconti che non sono elencati qui, adesso (volutamente: per lasciarvi il gusto di scoprire i titoli che, magari, ancora non conoscete).

La rive delle sirti, di Julien Gracq (L’orma editore)

**Un libro che si fonda sull’inganno ipotattico di una sintassi che *rincorre sé stessa* e intanto *si sostiene*. Una guerra che dura da trecento anni e
si dimentica di sé. Le acque morte del tempo che stagnano raccontandosi. E intanto, mentre Aldo e Vanessa si cercano in un paesaggio di rovine *ancora
abitate*, l’*attesa* oscura e irredimibile di una fine che non spera più di arrivare. (E anche, infine, la voce ritrovata di uno dei creatori *sghembi* della letteratura che viviamo *ora*).

Dimmi come va a finire, di Valeria Luiselli (la Nuova Frontiera)

**Un libro disperato, fondamentale, necessario, perturbante che ci fa vergognare, indignare, disperare, *capire* molto del mondo che viviamo: lasciandoci per questo senza alibi. Mostrandoci che la tragedia quotidiana di chi si sposta, a qualsiasi età, da una terra all’altra, ci riguarda e non ci dà scampo. Una scrittura magnifica; che ci regala, tra le altre, *la*domanda.

**motivazioni di Giordano Meacci.

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Altri articoli

Facebook

Scuola del libro
Scuola del libro2 weeks ago
Vi siete persi l'intervista ad #AndreaBajani (#illibrodellecase edito con Feltrinelli) per #EffettoStrega? Potete recuperarla qui 👇👇👇https://www.scuoladellibro.it/effetto-strega-2021-intervista-andrea-bajani/

edizioni sur #MarcoCassini Fondazione Maria e Goffredo Bellonci Il Premio Strega

twitter

5 hours ago
Qualche tempo fa @vannisantoni ci raccontava con un video i suoi #quattropilastri. A fine mese parte un'ennesima edizione del suo corso, dopo alcuni sold-out!

Qui il video: https://t.co/tMOGuIauXZ
Qui il corso: https://t.co/ksTs0UpAkf

Il nostro instagram

5 hours ago
1 day ago
2 days ago
3 days ago
3 days ago
4 days ago