Che razza di libro! di Jason Mott e l’emergenza dell’invisibile

che razza di libro!

a cura di Nicole Spallina (allieva del master “Il lavoro editoriale”)

Nelle aspettative dell’autore questo romanzo sarebbe stato un fallimento. D’altronde, ci aveva lavorato per dieci anni senza neanche avere un editore già interessato al progetto, scrivendolo principalmente per sé stesso e per il ragazzino che era stato. Un National Book Award (vinto nel 2021) dopo, Jason Mott si rende conto che la stranezza del suo Hell of a book, arrivato di recente in Italia grazie a NNEditore, non è un punto di debolezza, bensì la ragione del suo successo.

La traduzione, a cura di Valentina Daniele, porta il titolo Che razza di libro!: una scelta efficace che gioca con i diversi significati del sostantivo “razza” in italiano, oltre che una dichiarazione d’intenti ben riuscita sulla struttura diegetica creata da Mott. Un intreccio di fiction e suggestioni autobiografiche, attualità e metanarrativa, in cui non mancano la fascinazione per la letteratura fantastica e il cinema hollywoodiano classico, prende vita dalle storie di due protagonisti.

Da un lato, la prima persona di uno scrittore famoso, affetto da una malattia fuori dal comune e assorbito dal tour promozionale del suo bestseller; dall’altro, il racconto in terza persona di un ragazzino dalla pelle così scura da essere soprannominato Nerofumo, che ha imparato a rendersi invisibile. Diventano compagni, fratelli, forse una sola anima: che il loro incontro sia un’allucinazione o meno, pone chi legge di fronte a una quotidianità fatta di pregiudizio e violenza, a tal punto assimilata da passare quasi inavvertita.

Solo dopo aver buttato giù la figura dello scrittore è subentrato il bisogno di riflettere sull’aspetto razziale, su cosa significhi essere neri negli Stati Uniti di oggi, soprattutto dopo i molteplici episodi di abuso di potere da parte delle forze dell’ordine. Nell’incontro online con i lettori a cura della casa editrice italiana, Mott ha spiegato che la vera sfida è stata far convivere l’aspetto serio e drammatico con i momenti comici e satirici, trovare un equilibrio. In effetti la vena ironica che caratterizza il punto di vista dell’adulto e le sue avventure nel marketing editoriale è bilanciata dal tono onirico, a tratti fiabesco, nelle parti dedicate all’infanzia di Nerofumo.

Fonte immagine: Mallory Cash in bittersoutherner.com

Autore anche di poesie e sceneggiature, Mott ha sempre inserito nelle sue opere l’elemento fantastico. Che razza di libro!, in particolare, indaga il ruolo dell’immaginazione sia in merito al rapporto con l’arte, sia nella sua capacità di diventare un mezzo non tanto di allontanamento, quanto di contatto con la realtà, uno strumento per prendere coscienza del clima sociale e politico contemporaneo.

Da qui la scelta di non dare nomi allo scrittore e al ragazzino, di lasciare la loro identità incerta, in continuo movimento tra il singolo e il doppio. Perché la narrazione sia coinvolgente per chiunque legga, indipendentemente dall’età, e permetta ai suoi personaggi di applicare l’arte dell’invisibilità, una lezione da sempre impartita in famiglia ai giovani neri. Una forma di prevenzione e difesa che porta con sé un caro prezzo: la perdita della facoltà di parlare, l’abbandono di ogni possibilità di partecipare al cambiamento.

In quanto artista nero, Mott ha sentito la responsabilità e il dovere di interrogarsi su questi temi, di rappresentare anche chi non ha il diritto di esprimersi, nonostante non fosse il suo obiettivo iniziale. Si dice stupito del successo che il romanzo ha riscosso tra i giovani. Forse la ragione va cercata nel talento con cui ha costruito Nerofumo, che recupera pelle e voce per condividere l’ingiustizia della sua esperienza. Un ragazzino che per la prima e l’ultima volta chiede di essere visto.

      

Altri articoli

interviste

LE STRADE DELL’EDITORIA • 2

A cura di Carlotta Forni, Filippo Ghiglione e Alessandro Montagnese SECONDA PUNTATA | Capitoli 3 e 4 Il panorama editoriale italiano è un mondo articolato

Facebook

Scuola del libro

la Scuola del libro è un laboratorio permanente che propone un'offerta formativa intorno a tutti i mestieri del libro: traduzione, editing, grafica, redazione, impaginazione, ufficio stampa, comunicazione, marketing, ebook, social network, editoria digitale; e alla scrittura nelle sue varie forme: narrativa, non fiction, autobiografia, scrittura per ragazzi, giornalismo culturale.
Scuola del libro
Scuola del libro2 months ago
Eccoci a @piùlibripiuliberi con Giulia Caminito e Andrea Pomella !

#scriveretuttolanno
Scuola del libro
Scuola del libro2 months ago
Abbiamo organizzato tre incontri a @piulibri2022 e siete tutti invitati! 💥
Vi aspettiamo:

📍Il 7 dicembre alle ore 19 per farvi raccontare da alcune delle nostre ex allieve che succede dopo il master "Il lavoro editoriale" e quali sono gli sbocchi lavorativi.

📍L'8 alle ore 12 con Annalisa Camilli che vi parlerà di giornalismo e di come utilizzare gli strumenti e le tecniche per costruire un'inchiesta.

📍Sempre l'8 dicembre ma alle 19 in compagnia di Giulia Caminito (@caminits) e Andrea Pomella per scoprire come, quando e perché si diventa scrittori.

Siateci 😄

#reportagegiornalistico #giornalismo #corsodigiornalismo #corsoonline #reportagenarrativo #scuoladigiornalismo #giornalismoonline #parlaredilibri #corsidiscrittura #live #corsidigiornalismo #leggerechepassione #parlaredilibrisempre #leggerefabene #corsidieditoria #lavorareineditoria #corsidiscritturacreativa #scriveresempre #storiedaraccontare #scriverescriverescrivere #corsodiscrittura #scrivereunlibro #corsidiscritturaonline #scriverechepassione #corsodiscrittuaonline #masterineditoria #reportage #scrivereperprofessione #scritturacreativa #LavoroEditoriale
Scuola del libro
Scuola del libro2 months ago
Per ingranare con la marcia giusta, torna il «Corso base di scrittura letteraria» di Carola Susani.

Quattro incontri online, a febbraio.
✍️ Per saperne di più: info@scuoladellibro.it
Scuola del libro
Scuola del libro2 months ago
All'interno della Scuola del libro c'è un laboratorio sartoriale dove facciamo una formazione professionale e personalizzata per le case editrici:
📚 per quelle appena nate che vogliono crescere
📚 per quelle con anni di esperienza che vogliono offrire ai loro dipendenti corsi di aggiornamento.

Prendiamo le misure, insomma, per confezionare un corso che vi calzi a pennello. 🧑‍🎨

👉🏻 https://bit.ly/3VftYAr

Per scriverci: info@scuoladellibro.it
Scuola del libro
Scuola del libro2 months ago
Et voilà: torna il corso di traduzione letteraria dal francese.

👉 Per saperne di più: info@scuoladellibro.it
Scuola del libro
Scuola del libro2 months ago
«Case che proteggono, che rinchiudono, che nascondono, case che mentono, case che si spalancano, case che vengono abbandonate, case che crollano. Leggendo storie di case proveremo a capire meglio come funzionano stanze, muri, porte e finestre di una storia».

Una lezione di Paolo Cognetti.
Qui i dettagli: https://bit.ly/Cognetti_lezione

twitter

Domani comincia il corso di editing a cura di Andrea Gentile e Marco Marino, rispettivamente direttore editoriale e editor di @ilSaggiatoreEd.

C'è ancora qualche posto disponibile:

🧐Qui il programma: https://t.co/0MzBHF0MIl
📩 info @scuoladellibro.it https://t.co/khDyW9eTSb
scuoladellibro photo

Il nostro instagram

5 months ago
5 months ago
5 months ago
5 months ago
6 months ago
6 months ago