Intervista alla traduttrice Gina Maneri

La prima edizione di Alias, il nostro master in traduzione letteraria, è alle porte. Perché consiglieresti di frequentare questo corso, e a chi lo consiglieresti?

Avere la possibilità di lavorare in gruppo guidati da professionisti è sempre una bella occasione di arricchimento. Il confronto aiuta a liberarsi di idee preconcette e a mediare, e che cos’è in fondo un traduttore se non un mediatore tra chi scrive e chi legge? Consiglierei il corso a chi è agli inizi, ma anche a chi ha già tradotto qualcosa e ha ancora voglia di approfondire e confrontarsi, appunto, con altri colleghi e formatori.

Quando hai scelto di diventare un traduttore? Qual è stato il tuo percorso professionale?

Ho sempre avuto la passione per le lingue straniere, fin da bambina, quando con le mie amiche giocavamo a parlare in un’altra lingua, del tutto inventata. Giocavamo anche a tradurci in “inglese” e “francese”, ci piaceva creare questi grammelot che, pochissimi anni dopo, avrei ritrovato a teatro, nel Mistero buffo di Dario Fo. Ecco, credo che sia nato tutto da lì. È stato quindi naturale, dopo la maturità linguistica e un paio d’anni di vagabondaggi all’estero, iscrivermi alla Scuola per Interpreti e Traduttori di Milano e specializzarmi in Traduzione. Dopo qualche anno di traduzioni di ogni tipo – ho tradotto da manuali per la lavorazione della gomma a bilanci societari, passando per l’arte e la filosofia – sono finalmente approdata alla traduzione letteraria, che mi ha permesso di coniugare l’amore per la lingua e un altro amore di lunga data, quello per i libri. Sono ormai passati quasi trent’anni e non mi sono ancora stancata.

Qual è stato l’ultimo libro che hai tradotto? Come hai gestito i tempi, quali sono state le difficoltà?

Sto ultimando ora la traduzione di Glosa, di Juan José Saer, un autore argentino che è ormai diventato un classico e a cui mi sono dedicata negli ultimi anni. La difficoltà principale nel tradurre Saer è la resa della sua prosa fluviale, musicale, ipnotica, dei periodi lunghissimi e costruiti a scatole cinesi. In Saer forma e sostanza sono inscindibili ed è bene evitare di cedere alla tentazione di semplificare, spiegare, addomesticare: sarebbe un vero e proprio tradimento. Quanto alla gestione dei tempi, credo sia diventato un argomento scottante: facciamo tutti troppe cose e siamo esposti a una quantità di distrazioni un tempo impensabili. Insomma, alla fine consegno sempre puntuale, ma ogni tanto mi piacerebbe riuscire a non lavorare la sera o nel fine settimana.

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Altri articoli

Facebook

Scuola del libro
Scuola del libro
Vi siete persi l'intervista ad #AndreaBajani (#illibrodellecase edito con Feltrinelli) per #EffettoStrega? Potete recuperarla qui 👇👇👇https://www.scuoladellibro.it/effetto-strega-2021-intervista-andrea-bajani/

edizioni sur #MarcoCassini Fondazione Maria e Goffredo Bellonci Il Premio Strega

twitter


#EffettoStrega entra nel vivo! Ora in diretta sulla pagina Facebook della Scuola del libro @MGCalandrone parla del suo romanzo @Splendicomevita ( @ponteallegrazie),
candidato al @PremioStrega 2021. Ecco il link 👇👇👇
https://t.co/B1cc39RdKy https://t.co/hcqPovjQ13
scuoladellibro photo

Il nostro instagram