Intervista alla traduttrice Gina Maneri

Gina Maneri

La prima edizione di Alias, il nostro master in traduzione letteraria, è alle porte. Perché consiglieresti di frequentare questo corso, e a chi lo consiglieresti?

Avere la possibilità di lavorare in gruppo guidati da professionisti è sempre una bella occasione di arricchimento. Il confronto aiuta a liberarsi di idee preconcette e a mediare, e che cos’è in fondo un traduttore se non un mediatore tra chi scrive e chi legge? Consiglierei il corso a chi è agli inizi, ma anche a chi ha già tradotto qualcosa e ha ancora voglia di approfondire e confrontarsi, appunto, con altri colleghi e formatori.

Quando hai scelto di diventare un traduttore? Qual è stato il tuo percorso professionale?

Ho sempre avuto la passione per le lingue straniere, fin da bambina, quando con le mie amiche giocavamo a parlare in un’altra lingua, del tutto inventata. Giocavamo anche a tradurci in “inglese” e “francese”, ci piaceva creare questi grammelot che, pochissimi anni dopo, avrei ritrovato a teatro, nel Mistero buffo di Dario Fo. Ecco, credo che sia nato tutto da lì. È stato quindi naturale, dopo la maturità linguistica e un paio d’anni di vagabondaggi all’estero, iscrivermi alla Scuola per Interpreti e Traduttori di Milano e specializzarmi in Traduzione. Dopo qualche anno di traduzioni di ogni tipo – ho tradotto da manuali per la lavorazione della gomma a bilanci societari, passando per l’arte e la filosofia – sono finalmente approdata alla traduzione letteraria, che mi ha permesso di coniugare l’amore per la lingua e un altro amore di lunga data, quello per i libri. Sono ormai passati quasi trent’anni e non mi sono ancora stancata.

Qual è stato l’ultimo libro che hai tradotto? Come hai gestito i tempi, quali sono state le difficoltà?

Sto ultimando ora la traduzione di Glosa, di Juan José Saer, un autore argentino che è ormai diventato un classico e a cui mi sono dedicata negli ultimi anni. La difficoltà principale nel tradurre Saer è la resa della sua prosa fluviale, musicale, ipnotica, dei periodi lunghissimi e costruiti a scatole cinesi. In Saer forma e sostanza sono inscindibili ed è bene evitare di cedere alla tentazione di semplificare, spiegare, addomesticare: sarebbe un vero e proprio tradimento. Quanto alla gestione dei tempi, credo sia diventato un argomento scottante: facciamo tutti troppe cose e siamo esposti a una quantità di distrazioni un tempo impensabili. Insomma, alla fine consegno sempre puntuale, ma ogni tanto mi piacerebbe riuscire a non lavorare la sera o nel fine settimana.

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Altri articoli

Facebook

Scuola del libro

la Scuola del libro è un laboratorio permanente che propone un'offerta formativa intorno a tutti i mestieri del libro: traduzione, editing, grafica, redazione, impaginazione, ufficio stampa, comunicazione, marketing, ebook, social network, editoria digitale; e alla scrittura nelle sue varie forme: narrativa, non fiction, autobiografia, scrittura per ragazzi, giornalismo culturale.
Scuola del libro
Scuola del libro3 days ago
Il libro è pronto, il titolo è stato scelto con accuratezza, la grafica è frutto di numerosi brainstorming, l’editore è soddisfatto. E ora, che si fa? Bisogna far sapere al mondo che il libro sta arrivando.

Ecco il workshop di Maria Galeano per conoscere il lavoro dell'ufficio stampa editoriale.
Qui i dettagli: bit.ly/uffstamp

twitter

3 days ago
Il libro è pronto, il titolo è scelto, la grafica è frutto di numerosi brainstorming, l’editore è soddisfatto. E ora, che si fa? Bisogna far sapere al mondo che il libro sta arrivando.

Ecco il workshop sul lavoro dell'ufficio stampa editoriale: https://t.co/Q2xJGyqrtf https://t.co/oOS9a4ghkk
scuoladellibro photo

Il nostro instagram