Luca Briasco e Moby Dick: a lezione di traduzione

di Ilaria Massimi allieva dell’edizione 2016 del master Il lavoro editoriale

La cetologia non mi diverte.

E di racconti e romanzi sul mare ne ho letti veramente pochi.

Nella libreria di famiglia ci sono circa tre copie di Moby Dick. È   ovvio ma non scontato che io ricordi perfettamente dove sia collocata ogni singola copia, incastrata sempre tra altri due titoli –puntualmente di letteratura francese – che invece sono spesso la mia prima scelta.

Da sempre considerati libri “scenografia”, le tre copie sono tre isole poco distanti l’una dall’altra, e possono essere avvistate nelle vecchie fotografie di quando ero bambina – non essendo mai state spostate – scatti in cui assumo pose più o meno imbarazzanti davanti alla raccolta dei libri di mio nonno.

È successo per caso proprio qualche giorno fa, durante la lezione di traduzione. Dopo una lunga navigazione tra gli scogli dei testi di Francis Scott Fitzgerald e James Joyce, il docente ha pensato bene di proporci come esempio la “fossa delle Marianne della traduzione”: il testo di Moby Dick – facendo insinuare, all’inizio distrattamente, la mia curiosità tra le pagine di questo “cetaceo” della letteratura americana. La sua analisi del testo è stata lineare, profonda e calma, ponendo particolare attenzione a tutti quei false friends, a quelle spinose difficoltà a cui il traduttore, come un un pescatore esperto, deve sapere tirare su dal testo e ributtare poi in acqua – come un gioco con la Natura liquida (del linguaggio) e per il semplice piacere di cogliere le diverse sfumature e di apprezzarle da vicino, spinto da una teoria o dall’altra, dal proprio senso musicale e da tutta un’estetica della parola.

Ho studiato traduzione, e posso quindi dire di non essere proprio alle prime armi con lemmi, sinonimi e contrari, ma è stato come pescare per la prima volta.

Insomma, non si trattava della solita lezione accademica, ma era quasi come uno sbirciare nei secchielli degli altri – i miei compagni di classe – per vedere quello che erano riusciti a catturare – e insomma, tutta la classe ne ha poi risentito, che alla fine si ha avuto la sensazione di un continuo lanciare lenze per tirare su calchi semantici, adattamenti, compensazioni e perifrasi.

Il docente in questione è Luca Briasco, traduttore per Einaudi; ma ce ne sono stati altri come Andreina Lombardi Bom e Martina Testa a portarci spesso al largo, raccontandoci – come succede con le storie del mare – aneddoti del mestiere, avversità, frustrazioni, vittorie e spiragli di luce.

Quello che mi hanno lasciato – oltre a un grande mucchio di carta su cui lavorare – è stato come un sedersi sul pontile e confrontarsi, con quell’umiltà e quella predisposizione all’aiuto che è tipica della gente di mare.

Ho studiato traduzione, frequento la Scuola del Libro, di parole ne ho viste tante in giro, sempre più letteratura francese che americana, e da qualche giorno leggo Moby Dick: procedo lenta, non lo nego, ma sto imparando a nuotare.

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Altri articoli

Facebook

Scuola del libro
Scuola del libro
Vi siete persi l'intervista ad #AndreaBajani (#illibrodellecase edito con Feltrinelli) per #EffettoStrega? Potete recuperarla qui 👇👇👇https://www.scuoladellibro.it/effetto-strega-2021-intervista-andrea-bajani/

edizioni sur #MarcoCassini Fondazione Maria e Goffredo Bellonci Il Premio Strega

twitter


#EffettoStrega entra nel vivo! Ora in diretta sulla pagina Facebook della Scuola del libro @MGCalandrone parla del suo romanzo @Splendicomevita ( @ponteallegrazie),
candidato al @PremioStrega 2021. Ecco il link 👇👇👇
https://t.co/B1cc39RdKy https://t.co/hcqPovjQ13
scuoladellibro photo

Il nostro instagram