• Home
  • Articoli
  • EFFETTO STREGA – Intervista a Claudio Piersanti (Quel maledetto Vronskij – Rizzoli)

EFFETTO STREGA – Intervista a Claudio Piersanti (Quel maledetto Vronskij – Rizzoli)

Claudio Piersanti

A cura di Elena Cataldo e Carlotta Forni

Quando la persona al centro della propria esistenza sparisce, come si affronta la vita da soli?Giovanni non se lo è mai chiesto. Lui e Giulia sono una coppia affiatata, uniti da una complicità di cui quasi vergognarsi. Giovanni, dopo una vita in azienda e il licenziamento, apre una piccola tipografia. Giulia, appassionata di letteratura e piante, cura il loro piccolo giardino come fosse un tempio. Eppure, dopo una dura esperienza con la malattia, lei sparisce e lascia solo un breve e laconico messaggio in cui gli chiede di non cercarla. Solo, in una casa vuota e di colpo ostile, Giovanni fa della tipografia il suo rifugio, fisico e mentale. Sceglie dallo scaffale della moglie un libro, Anna Karenina, e lavora senza sosta a una copia unica e preziosa, da darle quando tornerà, perché tornerà. La corrispondenza tra fantasia e realtà sfuma i propri confini mentre la trama del capolavoro russo si intreccia con la vita e le ossessioni di Giovanni, fino a fargli temere che un «Vronskij qualsiasi» gli abbia sottratto l’amore della vita.

Giovanni sin dall’incipit è insicuro, incredulo della fortuna di poter vivere accanto al suo grande amore. La fuga improvvisa della moglie Giulia lo porta a chiudersi ancora di più in sé stesso. Invece di andarla a cercare decide di aspettarla, considerandosi in parte responsabile del suo abbandono. Ci sembra che il tema della colpa si riverberi nella condotta del protagonista, eppure alla fine la ragione sta dalla sua parte. Pensa che sia necessario un processo di profonda analisi interiore per arrivare alla comprensione degli eventi determinanti della vita che troppo spesso vengono delegati alla responsabilità altrui?

Giovanni è uno sconfitto, sia pure con onore, visto che la sua arte è insuperata. Senza Giulia il licenziamento l’avrebbe segnato di più. Lei è anche la sua forza, come lui è forza per lei. C’è un contenuto poco osservato nell’amore che Giovanni prova per Giulia: l’ammirazione. Non solo perché la trova molto bella. È laureata, parla le lingue, legge libri da sempre. Pensa di non meritarla, è vero. Ma lei non la pensa così, lo ha scelto liberamente e con convinzione. Tutti i loro gesti hanno il fine di non nuocere all’altro. Il risultato è che lui le dona anni di vita bellissima.

La natura ha un ruolo fortemente simbolico nel romanzo e diventa centrale nel rapporto tra Giulia e Giovanni. I fiori e i profumi fanno da contrappunto descrittivo alle vicende dei due protagonisti e costituiscono una storia parallela fatta di elementi sensoriali nella quale i due coniugi si ritrovano. Ci può parlare della sua relazione con la natura?

Come tutti gli abitanti di grandi città ho un rapporto con la natura mediato dai parchi, ed essendo ahimè un nomade non ho mai avuto un vero giardino. Cioè ne ho avuto uno a Bologna, bellissimo, ma tanti anni fa. Ed è apparso in varie forme in tanti miei libri. In quella casa nascevano tante cose: racconti, per esempio, a profusione. E ci è nato anche mio figlio. È forse l’unica casa vera della mia vita. Le altre sono di transito, come i parchi, come la natura che guardo da un treno.

Anche le famiglie apparentemente felici si scontrano con la paura, la morte, l’incomunicabilità, perché a volte è lo stesso amore a generarle. Ci siamo domandate se la scelta di Anna Karenina, oltre che per la figura di Vronskij all’interno del romanzo, sia dipesa anche dalla volontà di aprire una riflessione sul tema di uno degli incipit più famosi della letteratura: “Tutte le famiglie felici si assomigliano fra loro, ogni famiglia infelice è infelice a suo modo”. Ritiene che, rispetto a quanto afferma Tolstoj, la felicità sia molto più sfaccettata, o che in fondo la felicità completa non esiste?

Non volevo fare un romanzo a tema: la famiglia felice. Non mi occupo del matrimonio o di teoria dei rapporti. Per essere sincero le storie d’amore che raccontano gli amici di solito mi danno malinconia o mi annoiano. Racconto un amore senza sottolineature e senza esibizioni, vissuto quasi con vergogna. Forse si sentono fuori dal tempo, inadeguati, ma stanno semplicemente bene così. L’unica coppia che conosco mai stata in crisi è una coppia di anarchici. Di quelli veri. Lo sono da 50 anni e da 50 stanno sempre insieme.

Giovanni è stato licenziato dopo tanti anni, è riuscito a mettere in piedi un’attività che gli dà da vivere, però non si sente realizzato. Giulia, tanto colta e intelligente, si è accontentata di un lavoro che non la appaga. Varie volte nel libro emerge l’insoddisfazione del protagonista per un mondo che non li premia, senza però mostrare alcun tentativo di rivalsa, quasi a voler sottintendere che la pienezza emotiva debba essere un’alternativa alla carriera e al lavoro. Cosa ne pensa?

Se c’è un tema che si ritrova in tutti i miei libri è l’assenza di una Comunità. I miei personaggi appartengono soltanto a sé stessi. Un tema immenso, un cambiamento enorme che sento molto, anche se poco compreso nella sua gravità.

Nel corso della sua carriera ha avuto modo di confrontarsi con diversi tipi di scrittura, quella per il cinema con Carlo Mazzacurati e quella per il graphic novel con Lorenzo Mattotti. Quanto ritiene che siano distanti questi diversi tipi di scritture narrative da quella letteraria? In un’intervista ha dichiarato che la storia del graphic novel Stigmate (Einaudi, 1999) si basa su un suo canovaccio che conservava da tempo senza riuscire a sviluppare in maniera soddisfacente. Crede che la possibilità di portarlo su un diverso piano espressivo abbia permesso alla storia di trovare delle ragioni ulteriori che altrimenti non sarebbero emerse?

Certo, Stigmate era solo un appunto (uno scoppiato che riceve un segno inatteso e indesiderato di santità) e non sarebbe esistito senza Mattotti. Lo abbiamo scritto insieme. Così come scrivevo insieme a Carlo. Non è lo stesso lavoro proprio per questo. Ma se si fanno gli incontri giusti (Carlo e Lorenzo) allora diventa bello lavorare insieme. È quasi un gioco, di quelli che si facevano da piccoli con gli amici: io ERO tizio, tu caio… Quando sono diventato sceneggiatore di professione ho perso interesse per il cinema. Che può diventare noiosissimo. Gli scrittori fanno gli sceneggiatori per un equivoco. Scrivono meglio degli sceneggiatori ma non è quello che serve. La scrittura è nella regia, o nel montaggio, pochissimo nella sceneggiatura. Leggere una sceneggiatura è noioso: è uno strumento di lavoro, non di lettura. Ne ho pubblicate un paio ma senza convinzione.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Altri articoli

Facebook

Scuola del libro

la Scuola del libro è un laboratorio permanente che propone un'offerta formativa intorno a tutti i mestieri del libro: traduzione, editing, grafica, redazione, impaginazione, ufficio stampa, comunicazione, marketing, ebook, social network, editoria digitale; e alla scrittura nelle sue varie forme: narrativa, non fiction, autobiografia, scrittura per ragazzi, giornalismo culturale.
Scuola del libro
Scuola del libro5 days ago
Torniamo presto, con molte novità!
🍉🍉🍉
Scuola del libro
Scuola del libro6 days ago
Un nuovo progetto a cui siamo molto felici di lavorare, insieme a @culturaliila, @edizionisur e @premioenergheia : un premio per esordienti latinoamericani under 35.

(Si preparino le classi dei nostri corsi di traduzione dallo spagnolo!)

Si parte!💥
.
.
.
.
.
.
#premiletterari #esordienti #letteraturalatinoamericana #tradurredallospagnolo #corsitraduzione #iila #promozioneculturale
Scuola del libro
Scuola del libro1 week ago
Quali sono gli eventi, i personaggi, le questioni del mondo che possono essere racconyate attraverso il reportage letterario? Perché scegliere proprio questa forma narrativa?

Un corso di Marta Ciccolari Micaldi, ossia @la_mcmusa, a novembre, online.

Per prenotare il tuo posto: info@scuoladellibro.it
.
.
.
.
.
.
.
#reportage #literarynonfiction #reportageletterario #lamcmusa #bookriders #scrivereunreportage
Scuola del libro
Scuola del libro1 week ago
Ti frulla in testa l'idea per un podcast?
Vuoi dare un'opportunità alla tua storia?

Per fare - bene - un podcast, devi conoscere tutti gli aspetti del panorama editoriale, dal mercato ai trend, dai diritti al piano di produzione e ai programmi di registrazione, dalla scrittura del pitch al ritmo e l'intonazione.

💥 Al termine dei moduli online, le puntate pilota dei due progetti più meritevoli saranno registrate in uno studio professionale.

📧 per info e iscrizioni: info@scuoladellibro.it
.
.
.
.
.
#fareunpodcast #podcaster #emonspodcast #emons #podcastletterario #podcastdinchiesta
Scuola del libro
Scuola del libro1 week ago
Che tu scriva della guerra in Ucraina o della città in cui vivi, che tu debba scrivere per la carta stampata, un giornale online, un blog, o realizzare un servizio per la tv, per la radio, per un podcast, devi necessariamente porti una serie di domande:

* La storia, il personaggio: che caratteristiche devono avere?

*Le fonti: come riconoscere quelle attendibili?

*Cronaca o interpretazione?

*Che vuol dire essere cronisti da una zona di guerra?

Una lezione online di @francescamannocchi .

Per iscriversi: info@scuoladellibro.it
.
.
.
.
.
#reportage #reporter #propagandalive #scrivereunreportage #giornalismo #corsidigiornalismo #corsidiscrittura #francescamannocchi #biancoèilcoloredeldanno #einaudi
Scuola del libro
Scuola del libro2 weeks ago
Torna dopo l’estate il corso di traduzione letteraria dallo spagnolo:
📌 otto lezioni pratiche e tante indicazioni utili su come approcciarsi al mondo dell’editoria attraverso la traduzione, con due docenti e professioniste che si sono confrontate con gli autori più importanti del panorama ispanofono: Gina Maneri e Giulia Zavagna.

📩 per informazioni e iscrizioni, info@scuoladellibro.it

twitter

Il nostro instagram