EFFETTO STREGA – Intervista a Veronica Raimo (Niente di vero – Einaudi)

Veronica Raimo

A cura di Sebastiana Savoca e Gaia Scintu

Un fratello dalla genialità ingombrante, un padre con la smania di alzare pareti per dividere le stanze e una madre che telefona ai figli giorno e notte: fin da bambina, e poi raggiunta l’indipendenza, Veronica deve imparare a ritagliarsi spazi tutti suoi in cui esistere. Niente di vero racconta la storia di un’educazione sentimentale e sociale: l’infanzia, gli innamoramenti adolescenziali, l’ingresso nell’età adulta e gli affetti vissuti tra Roma e Berlino. Attraverso una rassegna di tipi umani bizzarri ed episodi paradossali, ci ricorda come diventare adulti sia tutto meno che un tragitto lineare: è una strada da percorrere sorvolando su sé stessi, senza prendere le cose, anche le più tragiche, troppo sul serio. Ma attenzione: Veronica seleziona i suoi ricordi, li camuffa, li trucca, e imbroglia i suoi lettori come faceva con suo fratello al gioco del cinque. Spetta a loro decidere se lasciarla barare.

Il tema della verità è centrale nel romanzo, a partire dal titolo. Considerando il duplice valore del termine vero – verità, da una parte, e diminutivo di Veronica, dall’altra –, qual è la relazione che lega la protagonista alla verità? Perché la voce narrante afferma «Temo la verità più della morte»?

Ho costruito Niente di vero come un romanzo che parte dal mio vissuto per giocare con l’ambiguità strutturale di un lavoro autobiografico. Mi interessava proprio partire da questa domanda: che senso ha dichiarare che la nostra esperienza sia autentica se siamo noi a certificare questa autenticità? La verità di Niente di vero è una verità romanzesca, che si appoggia sulla convinzione di poter abbracciare l’idea che qualcosa sia vero e non vero allo stesso tempo.

«Io e mio fratello siamo diventati tutti e due scrittori. Non so cosa risponda lui quando gli chiedono come mai, io dico che è grazie a tutta la noia che ci hanno trasmesso i nostri genitori». Sulla scorta di questa affermazione, qual è secondo lei l’importanza della noia nel processo di formazione di uno scrittore?

La noia di cui parlo non ha la sensualità di una noia da esistenzialismo francese. È molto meno seducente ed eroica. Prendere una noia molto prosaica come genesi di una vocazione alla scrittura mi serviva a scardinare certi discorsi enfatici sul “dono” o sul “tormento” dello scrivere. Sono un po’ scettica quando sento parlare di scrittura solo in termini di salvezza o dannazione.

Considerando la figura del fratello di Veronica, possiamo dire che talvolta incarni l’alter ego della protagonista, talvolta rispecchi la sua antitesi, ma pare sempre che metta in contatto Veronica con la realtà; non a caso lo sentiamo pronunciare le parole «Guarda che lo so che imbrogliavi nel gioco del cinque». Sembra così che custodisca il principio della verità che viene continuamente mistificata dalla sorella. Qual è dunque la funzione del fratello all’interno della relazione che lega la protagonista alla verità? Potremmo attribuirgli un ruolo costitutivo nel processo di formazione del personaggio di Veronica e del libro stesso?

Sì, la figura del fratello gioca in antitesi, ma in tanti casi è anche un alleato. Al contrario della protagonista, però, riesce a trovare un senso più rigoroso nelle cose, forse anche più etico, grazie a una fede che a Veronica manca. Si tratta di una fede sia politica che religiosa.

Per quanto riguarda il processo di scrittura del romanzo, ha usufruito di annotazioni raccolte negli anni e che hanno preceduto l’idea di questo libro, oppure si può collocare la stesura del manoscritto in un arco temporale circoscritto caratterizzato da un flusso ininterrotto di pensieri?

Sono confluite in questo libro cose che avevo già scritto, con destinazioni piuttosto disparate. Non tanto appunti, ma monologhi teatrali, articoli di giornale, racconti. Era un materiale piuttosto eterogeneo che però aveva in comune un certo registro, una voce simile.

Niente di vero potrebbe diventare una sorta di modello per chi vuole raccontare il coming of age delle ragazze in modo vero e non edulcorato, un po’ come ha fatto Fleabag con la serie tv, ma ancora prima con lo spettacolo teatrale. Si aspettava un effetto del genere? Qual è stata la sua esperienza professionale in quanto scrittrice (donna) in Italia? C’è un messaggio in particolare che vuole dare alle lettrici attraverso le pagine del suo libro?

Mi angoscia moltissimo la parola “modello”, quindi non so, credo che per me i modelli siano stati soprattutto quelli da mettere in crisi in un secondo momento. Non volevo dare nessun messaggio, anzi, spesso mi capita di leggere delle critiche proprio su questo punto: “Non si capisce che messaggio voleva darci l’autrice”. Sono contenta che non si capisca. Per quanto riguarda la mia esperienza da scrittrice, mi rendo conto che sempre di più negli ultimi anni si è creata una rete tra scrittrici più o meno mie coetanee. Parlo di rete perché sono rapporti orizzontali di scambio, e sono quelli in cui mi trovo meglio. Quando ero più giovane avrei desiderato trovare invece una sorta di “maestra”, intendo una maestra vivente, una scrittrice di un’altra generazione che potesse indicarmi una strada. Non è successo, ma oggi non è più un rimpianto. 

Altri articoli

interviste

LE STRADE DELL’EDITORIA • 2

A cura di Carlotta Forni, Filippo Ghiglione e Alessandro Montagnese SECONDA PUNTATA | Capitoli 3 e 4 Il panorama editoriale italiano è un mondo articolato

Facebook

Scuola del libro

la Scuola del libro è un laboratorio permanente che propone un'offerta formativa intorno a tutti i mestieri del libro: traduzione, editing, grafica, redazione, impaginazione, ufficio stampa, comunicazione, marketing, ebook, social network, editoria digitale; e alla scrittura nelle sue varie forme: narrativa, non fiction, autobiografia, scrittura per ragazzi, giornalismo culturale.
Scuola del libro
Scuola del libro8 hours ago
Abbiamo organizzato tre incontri a @piulibri2022 e siete tutti invitati! 💥
Vi aspettiamo:

📍Il 7 dicembre alle ore 19 per farvi raccontare da alcune delle nostre ex allieve che succede dopo il master "Il lavoro editoriale" e quali sono gli sbocchi lavorativi.

📍L'8 alle ore 12 con Annalisa Camilli che vi parlerà di giornalismo e di come utilizzare gli strumenti e le tecniche per costruire un'inchiesta.

📍Sempre l'8 dicembre ma alle 19 in compagnia di Giulia Caminito (@caminits) e Andrea Pomella per scoprire come, quando e perché si diventa scrittori.

Siateci 😄

#reportagegiornalistico #giornalismo #corsodigiornalismo #corsoonline #reportagenarrativo #scuoladigiornalismo #giornalismoonline #parlaredilibri #corsidiscrittura #live #corsidigiornalismo #leggerechepassione #parlaredilibrisempre #leggerefabene #corsidieditoria #lavorareineditoria #corsidiscritturacreativa #scriveresempre #storiedaraccontare #scriverescriverescrivere #corsodiscrittura #scrivereunlibro #corsidiscritturaonline #scriverechepassione #corsodiscrittuaonline #masterineditoria #reportage #scrivereperprofessione #scritturacreativa #LavoroEditoriale
Scuola del libro
Scuola del libro3 days ago
Per ingranare con la marcia giusta, torna il «Corso base di scrittura letteraria» di Carola Susani.

Quattro incontri online, a febbraio.
✍️ Per saperne di più: info@scuoladellibro.it
Scuola del libro
Scuola del libro4 days ago
All'interno della Scuola del libro c'è un laboratorio sartoriale dove facciamo una formazione professionale e personalizzata per le case editrici:
📚 per quelle appena nate che vogliono crescere
📚 per quelle con anni di esperienza che vogliono offrire ai loro dipendenti corsi di aggiornamento.

Prendiamo le misure, insomma, per confezionare un corso che vi calzi a pennello. 🧑‍🎨

👉🏻 https://bit.ly/3VftYAr

Per scriverci: info@scuoladellibro.it
Scuola del libro
Scuola del libro1 week ago
Et voilà: torna il corso di traduzione letteraria dal francese.

👉 Per saperne di più: info@scuoladellibro.it
Scuola del libro
Scuola del libro1 week ago
«Case che proteggono, che rinchiudono, che nascondono, case che mentono, case che si spalancano, case che vengono abbandonate, case che crollano. Leggendo storie di case proveremo a capire meglio come funzionano stanze, muri, porte e finestre di una storia».

Una lezione di Paolo Cognetti.
Qui i dettagli: https://bit.ly/Cognetti_lezione
Scuola del libro
Scuola del libro1 week ago
Venerdì siamo alla La Galleria del Libro di Ivrea a presentare il romanzo di Andrea Pomella «Il dio disarmato» (Einaudi editore)

🚀 A seguire la lezione di scrittura autobiografica «Scrivere di sé».

La presentazione è a ingresso libero.
Per prenotarsi alla lezione: info@scuoladellibro.it

twitter

Ci vediamo a @piulibri22!
Stand F07: passate a salutarci 🚀

Qui i nostri incontri in fiera: https://t.co/n4UTKBkXWP https://t.co/X3wYVQnW3j
scuoladellibro photo

Il nostro instagram

3 months ago
3 months ago
3 months ago
3 months ago
4 months ago
4 months ago