Un romanzo sull’identità e l’accettazione: “I nomi propri” di Marta Jiménez Serrano

Marta Jiménez Serrano

A cura di Nicole Spallina (allieva del master “Il lavoro editoriale”)

È una vita come tante, quella di Marta: la scrittrice porta il suo stesso nome e ne racconta l’infanzia, fatta di nuotate e ore trascorse con la nonna, l’adolescenza e i primi amori, l’approdo all’età adulta. Ciò che rende irripetibile questo romanzo d’esordio è la scelta di far narrare la storia quasi per intero a Belaundia Fu, l’amica immaginaria che l’accompagna fin da ragazzina. Una voce fluida e sfaccettata, capace di danzare tra i tempi e gli spazi con disinvoltura, e soprattutto di spingere chi legge a riflettere sul significato reale dell’identità.

Non è stato facile dare la forma giusta a I nomi propri, ha spiegato Jiménez Serrano all’incontro privato organizzato da Giulio Perrone Editore il 27 giugno 2022, a dieci giorni di distanza dal lancio del libro, tradotto in italiano da Olga Alessandra Barbato. La struttura frammentata nasce in primis dalla stesura slegata dall’ordine cronologico degli eventi, ma anche dalla necessità di intersecare i piani temporali delle esperienze di Marta per dare maggiore respiro all’intreccio e facilitare l’immedesimazione con la protagonista. Volendo evitare a qualsiasi costo l’autofiction, Belaundia Fu le è sembrato il punto di vista migliore da cui partire per esplorare come ognuno impari gradualmente a fare i conti con un sé tutto da scoprire, in pensieri, gesti e desideri.

Marta Jiménez Serrano

Nel tu di Belaundia a Marta emerge un dialogo consapevole, anche se spesso conflittuale: è il mezzo necessario non tanto per costruire l’identità della ragazza, quanto per accettarla: Jiménez Serrano è profondamente convinta che non si possa scegliere o modificare il proprio modo di essere, per questo ascoltarsi con la gentilezza che riserveremmo a un amico aiuta ad accogliersi per come si è. Avvertire il cambiamento da un’età all’altra può essere destabilizzante, ci si accorge di quanto evolvono paure, sogni e decisioni. Imparare a conoscersi, allora, è l’unica possibilità per vivere. Un viaggio affrontato attraverso mille sfaccettature, per esempio la riflessione sulla parola, da cui s’intravede la vena poetica della scrittrice spagnola, e l’attenzione per il corpo: quello di Marta che cresce e interagisce con il mondo, quelli che entrano a contatto con il suo.

Non manca chi ha dato un’interpretazione generazionale al romanzo: una chiave di lettura valida, eppure Jiménez Serrano ha precisato che non era questo il suo obiettivo. Allo stesso modo, non è un testo autobiografico, nonostante sia stato spesso suggerito dalla critica spagnola. «Tutto è vero, ma niente è letterale»: l’autrice ha selezionato della sua esperienza personale solo episodi e sensazioni comuni a tante altre, per esempio la solitudine estiva quando si è bambini, la delusione per i torti subiti dalle amiche d’infanzia, lo spaesamento dopo la morte di una persona cara. Leggere la Vita nova di Dante negli anni di studio in Italia è stato un passo importante per sentirsi legittimata a scrivere di amore e perdita. A eccezione di un ritratto fedele della nonna materna, il resto è frutto d’inventiva e qualche scampolo di memoria.

Se la sfida più complessa è stata restituire in modo credibile le problematiche tipiche dell’adolescenza, altrettanto impegno ha richiesto il passaggio alla prima persona: nell’ultima parte Marta sostituisce l’amica immaginaria, una variazione ispirata dalla Metafisica dei tubi di Amélie Nothomb (Voland, 2002); un punto di svolta essenziale per rendere la protagonista responsabile di sé stessa. Non è Belaundia ad abbandonare volontariamente Marta, né quest’ultima sceglie di lasciarla indietro, si tratta piuttosto di un doppio movimento, un incontrarsi a metà strada. Marta, ormai quasi trentenne, è alle soglie della vita adulta, si sente sospesa: Jiménez Serrano le augura di aprirsi all’incompletezza, là dove ogni cosa viene messa in discussione. Perché tutto cambia, e cambierà ancora.

Credits immagini: David Jiménez (ritratto della scrittrice), Giulio Perrone Editore (copertina della versione italiana).

                    

Altri articoli

interviste

LE STRADE DELL’EDITORIA • 2

A cura di Carlotta Forni, Filippo Ghiglione e Alessandro Montagnese SECONDA PUNTATA | Capitoli 3 e 4 Il panorama editoriale italiano è un mondo articolato

Facebook

Scuola del libro

la Scuola del libro è un laboratorio permanente che propone un'offerta formativa intorno a tutti i mestieri del libro: traduzione, editing, grafica, redazione, impaginazione, ufficio stampa, comunicazione, marketing, ebook, social network, editoria digitale; e alla scrittura nelle sue varie forme: narrativa, non fiction, autobiografia, scrittura per ragazzi, giornalismo culturale.
Scuola del libro
Scuola del libro2 months ago
Eccoci a @piùlibripiuliberi con Giulia Caminito e Andrea Pomella !

#scriveretuttolanno
Scuola del libro
Scuola del libro2 months ago
Abbiamo organizzato tre incontri a @piulibri2022 e siete tutti invitati! 💥
Vi aspettiamo:

📍Il 7 dicembre alle ore 19 per farvi raccontare da alcune delle nostre ex allieve che succede dopo il master "Il lavoro editoriale" e quali sono gli sbocchi lavorativi.

📍L'8 alle ore 12 con Annalisa Camilli che vi parlerà di giornalismo e di come utilizzare gli strumenti e le tecniche per costruire un'inchiesta.

📍Sempre l'8 dicembre ma alle 19 in compagnia di Giulia Caminito (@caminits) e Andrea Pomella per scoprire come, quando e perché si diventa scrittori.

Siateci 😄

#reportagegiornalistico #giornalismo #corsodigiornalismo #corsoonline #reportagenarrativo #scuoladigiornalismo #giornalismoonline #parlaredilibri #corsidiscrittura #live #corsidigiornalismo #leggerechepassione #parlaredilibrisempre #leggerefabene #corsidieditoria #lavorareineditoria #corsidiscritturacreativa #scriveresempre #storiedaraccontare #scriverescriverescrivere #corsodiscrittura #scrivereunlibro #corsidiscritturaonline #scriverechepassione #corsodiscrittuaonline #masterineditoria #reportage #scrivereperprofessione #scritturacreativa #LavoroEditoriale
Scuola del libro
Scuola del libro2 months ago
Per ingranare con la marcia giusta, torna il «Corso base di scrittura letteraria» di Carola Susani.

Quattro incontri online, a febbraio.
✍️ Per saperne di più: info@scuoladellibro.it
Scuola del libro
Scuola del libro2 months ago
All'interno della Scuola del libro c'è un laboratorio sartoriale dove facciamo una formazione professionale e personalizzata per le case editrici:
📚 per quelle appena nate che vogliono crescere
📚 per quelle con anni di esperienza che vogliono offrire ai loro dipendenti corsi di aggiornamento.

Prendiamo le misure, insomma, per confezionare un corso che vi calzi a pennello. 🧑‍🎨

👉🏻 https://bit.ly/3VftYAr

Per scriverci: info@scuoladellibro.it
Scuola del libro
Scuola del libro2 months ago
Et voilà: torna il corso di traduzione letteraria dal francese.

👉 Per saperne di più: info@scuoladellibro.it
Scuola del libro
Scuola del libro2 months ago
«Case che proteggono, che rinchiudono, che nascondono, case che mentono, case che si spalancano, case che vengono abbandonate, case che crollano. Leggendo storie di case proveremo a capire meglio come funzionano stanze, muri, porte e finestre di una storia».

Una lezione di Paolo Cognetti.
Qui i dettagli: https://bit.ly/Cognetti_lezione

twitter

Domani comincia il corso di editing a cura di Andrea Gentile e Marco Marino, rispettivamente direttore editoriale e editor di @ilSaggiatoreEd.

C'è ancora qualche posto disponibile:

🧐Qui il programma: https://t.co/0MzBHF0MIl
📩 info @scuoladellibro.it https://t.co/khDyW9eTSb
scuoladellibro photo

Il nostro instagram

5 months ago
5 months ago
5 months ago
5 months ago
6 months ago
6 months ago